Mascherine ai lavoratori: obbligatorie nelle aziende private, solo raccomandate negli uffici pubblici

Mascherine: firmata l’ordinanza del Ministro Speranza
29 Aprile 2022
Corso Addetti Antincendio
5 Maggio 2022

Mascherine ai lavoratori: obbligatorie nelle aziende private, solo raccomandate negli uffici pubblici

Nuova valutazione fino al 30 giugno 2022




La decisione per il mondo del lavoro privato è arrivata il 4 maggio 2022 al termine della riunione tenuta tra sindacati, Inail, e ministeri del lavoro, della Salute e dello Sviluppo Economico che ha di fatto confermato il protocollo di sicurezza sulle misure anti Covid varato ad aprile 2020 e rinnovato un anno fa, con l'impegno ad aggiornarlo entro giugno alla luce delle disposizioni nazionali e dell'andamento della pandemia.

La mascherina dunque rimane obbligatoria in tutti i luoghi di lavoro privati, anche all’aperto fino al 30 giugno prossimo. Secondo quanto prevede il testo, confermato da sindacati e ministeri, «in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro, al chiuso o all'aperto, è comunque obbligatorio l’uso delle mascherine chirurgiche o di dispositivi di protezione individuale di livello superiore».

La mascherina dunque «non è necessaria nel caso di attività svolte in condizioni di isolamento».

La scelta - fa sapere il ministero del Lavoro in una nota - deriva dalla consapevolezza che, «nonostante la cessazione dello stato d'emergenza, persistano esigenze di contrasto del diffondersi della pandemia».

Confermate quindi tutte le misure di protezione previste: le mascherine continueranno ad essere obbligatorie come Dispositivo di Protezione Individuale per i lavoratori e anche le altre misure presenti dovranno essere rispettate così come i Comitati Aziendali o territoriali/settoriali continueranno a svolgere un importante ruolo attivo.

Entro fine giugno ci sarà poi una nuova verifica sulla situazione epidemiologica in Italia e le possibili ricadute nel prossimo autunno, e si deciderà se prorogare la misura ulteriormente o mettere fine all’obbligo.

Due pesi due misure
Ciò che è obbligatorio nel settore privato, tuttavia, è solo ‘raccomandato’ in quello pubblico. Se aziende e sindacati hanno scelto la massima cautela prorogando il protocollo che prevede l’obbligo di mascherina, il ministero della Pa l’ha solo raccomandata in determinate circostanze che riassumiamo a seguire.

Sulla questione delle mascherine si è espressa anche Federfarma che, in una circolare inviata alle farmacie ha fatto un appello alla prudenza suggerendo di raccomandare ai clienti, con cartelli affissi sulle vetrine, che «tra le varie misure di sicurezza da adottare tassativamente si contempla anche l'uso delle mascherine».

Ricapitoliamo dunque dove bisogna indossare le mascherine e quali sono obbligatorie.


Trasporti con FFP2
Secondo l’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza in vigore fino al 15 giugno è obbligatorio indossare la mascherina Ffp2:
- aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone
- navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
- treni Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità
- autobus che collegano più di due regioni
- autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente
- mezzi del trasporto pubblico locale o regionale: autobus, tram e metropolitane
- scuolabus

Cinema, teatri, sale da concerto con Ffp2
Secondo l’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza in vigore fino al 15 giugno è obbligatorio indossare la mascherina Ffp2:
- per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati

Stadi liberi, palazzetti con Ffp2
Negli stadi non c’è alcun obbligo mentre va indossata la Ffp2 «per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso» fino al 15 giugno.

Ospedali, Rsa, strutture sanitarie
È obbligatorio indossare la mascherina chirurgica per utenti e ai visitatori di:
- strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali
- strutture di ospitalità e lungodegenza
- residenze sanitarie assistite (Rsa), hospice, strutture riabilitative, strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti.

Raccomandata la Ffp2 negli uffici pubblici
Secondo la circolare firmata dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta è raccomandata la Ffp2 per la pubblica amministrazione nei seguenti casi:
- per il personale che si trovi a contatto con il pubblico (c.d. sportello) e che sia sprovvisto di altre idonee barriere protettive
- per il personale che svolga la prestazione in stanze in comune con uno o più lavoratori, anche se si è solo in due, salvo che vi siano spazi tali da escludere affollamenti
- nel corso di riunioni in presenza
- nel corso delle file per l’accesso alla mensa o altri luoghi comuni (ad esempio bar interni, code per l’ingresso in ufficio)
- per coloro che condividano la stanza con personale cosidetto “fragile”
- in presenza di una qualsiasi sintomatologia che riguardi le vie respiratorie
- negli ascensori
- in ogni caso in cui, anche occasionalmente, si verifichi la compresenza di più soggetti nel medesimo ambiente

Per i clienti la mascherina è invece soltanto «raccomandata» ma non c’è più obbligo.

Negozi, supermercati, aziende private
Secondo il “Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid negli ambienti di lavoro” è previsto «l’uso obbligatorio delle mascherine in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro, al chiuso o all’aperto» (non necessario nel caso di attività svolte da soli). Queste regole valgono per i lavoratori.

Per i clienti la mascherina è invece soltanto «raccomandata» ma non c’è più obbligo.

Scuole
Fino alla fine dell’anno scolastico gli studenti che hanno più di 6 anni devono indossare la mascherina chirurgica.

ALLEGATO

Protocollo del 06 aprile 2021



Centro Antinfortunistico Srl