Corso RLS
20 Febbraio 2020
Corso Preposti
22 Dicembre 2021

 TELECAMERE E PRIVACY
Senza il cartello e l’informativa dettagliata scatta la sanzione per le telecamere di videosorveglianza



Il Garante per la protezione dei dati personali, con l'ordinanza di ingiunzione n. 386 del 28.10.2021, ha sanzionato un hotel evidenziando che, in caso di attivazione di un sistema di videosorveglianza, è necessario rispettare la normativa privacy apponendo il cartello (cd. informativa breve) e l'informativa dettagliata (cd. informativa di secondo livello).

Una struttura turistica ha posizionato un impianto di videosorveglianza senza applicare i tradizionali cartelli di avvertimento. La Polizia di Stato ha effettuato un controllo segnalando l'irregolarità al Garante che all'esito dell'istruttoria ha sanzionato l'impresa per violazione del regolamento europeo sulla tutela dei dati personali. Il posizionamento di telecamere, specifica l'Autorità, comporta un possibile trattamento di dati personali che dovrà essere effettuato nel rispetto di tutti i principi generali contenuti nel GDPR ed in particolare del principio di trasparenza il quale «presuppone che gli interessati devono essere sempre informati che stanno per accedere in una zona videosorvegliata».

A questo scopo il titolare del trattamento deve apporre idonei cartelli informativi secondo le indicazioni contenute sia nel provvedimento generale adottato dal Garante l'8 aprile 2010, sia nel rispetto delle linee guida n. 3/2019 adottate dal Comitato europeo per la protezione dei dati personali. In questo provvedimento viene infatti specificato che le informazioni più importanti devono essere sintetizzate dal titolare del trattamento nel cartello di primo livello mentre tutti i dettagli possono essere elencati in una informativa di secondo livello. In buona sostanza occorre posizionare un'icona chiaramente identificabile ad altezza degli occhi in prossimità di ogni zona sorvegliata «per consentire all'interessato di stimare quale zona sia coperta da una telecamera in modo da evitare la sorveglianza o adeguare il proprio comportamento, ove necessario». Inoltre, il titolare del trattamento deve redigere una informativa dettagliata di secondo livello da mettere a disposizione dell'interessato che voglia approfondire le modalità in cui si realizza il trattamento dei dati personali e quali garanzie saranno preposte a tutela dei suoi interessi.

Il nostro Studio si occupa della completa regolarizzazione del vostro impianto di videosorveglianza, a partire dalla obbligatoria richiesta di autorizzazione all'Ispettorato del lavoro fino alla predisposizione dei cartelli e delle informative privacy.

Per informazioni e chiarimenti contattateci all'indirizzo info@centroantinfortunistico.it

Centro Antinfortunistico Srl S.U.